jump to navigation

My beloved Daddy April 17, 2007

Posted by scarfaccio in What's new.
trackback

Questa volta noi brindiamo a teDear Papà,
I would never have thought you could leave us that way. It was one of the happiest day of your life!
In your wonderful black suit, white shirt and pink tie you were still the most handsome dude. A mocking smile was lying on your mouth as your last approach to the world.

Thank you for what you taught me! We didn’t live much time together, but by your life style I’ve learned what’s worth to live and fight for.

Hundreds people out of your house will show to the ones who never believed in you who you really were!

You’ll always be hosted in my heart.

Comments»

1. Max - April 19, 2007

Ciao Caro
Ho conosciuto poco tuo papà , ma era forte !!!!!
Una sera, ….ricordi quella sera nel ristorante , ne abbiamo combinate tante .
Personaggio indescrivibile , tuo Papà , sicuramente intrigante .
Poche persone mi hanno colpito così nella vita .

…e ora , fallo rivivere un po’ in te e come lui ,vivi la vita “prendendosela ” .

tuo
Max

2. scarfaccio - April 19, 2007

Caro Max,
ti stai unendo ad un coro di voci provenienti da ogni dove! E’ incredibile il numero di persone che mi hanno espresso il loro cordoglio per la sparizione di quel Granduomodimiopadre. Ho ereditato da lui tante qualità e tanti difetti, ma la sua grandezza è indiscutibile. Ha vissuto a suo modo e mi ha insegnato a vivere.
Ancora una volta:
Grazie papino!

3. francy - April 24, 2007

Per oggi non riesco ad inviarti nulla, ma ti prometto che entro venerdì avrai ciò che mi hai chiesto. Mi manchi tanto fratellino e mi manca papà! Sei arrivato bene? Fammi sapere ed un bacio grande a Judith

4. Filippo - April 25, 2007

Ciao Pietro, mi sono collegato sul tuo blog per vedere se c’era qualche novità ed ho trovato questa bruttissima notizia! Mi dispiace veramente tanto, e ci tengo a mostrarti tutta la mia “vicinanza”, anche se siamo così lontani. Due anni fa anch’io ho perso il mio babbo, ma quello che mi ha dato lo porto sempre dentro di me perché nel mio agire quotidiano riconosco spesso il suo marchio. Nel giorno della sua scomparsa, e in quelli successivi, gli amici mi chiedevano se c’era qualcosa, qualsiasi cosa, che potessero fare per me… purtroppo non c’era niente da fare, ma la loro semplice presenza era già un conforto. Già il fatto di stare lì, anche senza dire nulla (non c’è nulla da dire a chi è inconsolabile), era abbastanza. Purtroppo ora non posso essere lì fisicamente, ma sappi che il mio pensiero c’è.
Coraggio.

5. Francesca - May 2, 2007

COME PROMESSO!
Ciao Papino,
per oggi i nostri corpi si salutano.
Il nostro cammino è stato tortuoso, a volte difficle, ma entrambi abbiamo sempre saputo l’enorme amore che provavamo l’uno per l’altra.
Spesso, papy, mi è sembrato di doverti rincorrere, ma ora mi rendo conto che mi sarebbe bastato voltarmi indietro per trovarti.
Avrei tante cose da dirti e so per certo che che tra un po’ mi ricorderò di aver dimenticato qualcosa.
Sento che ci sei, ma mi mancano i tuoi abbracci forti, mi manca di consolarti nei tuoi momenti di sconforto, mi manca di sgridarti per il tuo essere sempre troppo buono con tutti (tranne a volte con i famialiari!).
Il bene che hai portato su questa terra sicuramente ti servirà da lasciapassare se esiste un paradiso e sicuramente, e so che questo è quello che volevi di più, serve per lasciare una traccia tangibile del tuo passaggio nel mondo.
Credo che in questo momento la tua anima confusa non riesca a trovare il coraggio di lasciarci, proprio come noi facciamo fatica a separarci da te, ma nel mio cuore so che è giusto trovare la forza per lasciarti andare, per dirti ciao serenamente.
Papà, avevi un sacco di difetti, ma davvero tanti! E sicuramente io ne ho ereditati tanti, primo fra tutti il tuo disordine cronico (ne sa qualcosa Luca!), ma sai che c’é: ne vado proprio fiera!
Sono contenta di assomigliarti fisicamente e caratterialmente e, soprattutto, sono fiera del modo in cui hai affrontato la tua vita e la tua morte.
Mi manchi già tanto, ma per un po’ aiuta Gloria che è rimasata sola.
Poi aiuta noi e la tua nipotina del cuore che in questi giorni non voleva parlare di te perché sapeva già, non so come, che sei andato in cielo.
Io, Luca, Rebecca e Fagiolino ti vogliamo bene e so che tu ci amavi tanto. Non capisco, in onestà, perché ci hai lasciati ora, ma si vede che è giusto così.
Non dimenticarti di me, amami sempre con la stessa intensità e, se ti riesce, magari anche di più.
Non so come farò senza il mio papone, ma ora so di essere io a dover proseguire “te” come è nella natura e come tu volevi, perciò piangerò il meno possibile, sarò dignitosa e avrò forza.
Permettimi però di dirti che ti voglio bene, che ti tengo la mano e che sarai sempre nel mio cuore.

Poi ci ritroveremo.

La tia Checca, Chicchina, Briciolina.

PER TUTTI: E’ IL DISCORSO DI ADDIO A QUELLA MERAVIGLIOSA PERSONA CHE ERA MIO PADRE.
Ciao!

6. scarfaccio - May 2, 2007

Grazie sorella, GRAZIE!!!

Papà mi manca tanto, ha lasciato un buco che sarà difficile colmare; sono stato privato di una persona che mi avrebbe potuto dare tanto….ed io a lui.
Ma come faccio, Fra? Come faccio?
Avevo 4 anni quando Papino se n’è andato….non l’ho mai più avuto indietro completamente. Però ho avuto la fortuna di vivere con lui per 8 mesi (2006) e, grazie a ciò, ha potuto coronare tanti sogni che aveva, primo fra tutti vedere suo figlio giocare a calcio.
Un giorno a tavola mi disse: “…adesso posso anche morire felice”.
Lo spero Papino! Tantissimo!


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: